News

Piante contro Zombie: da app a sparatutto per PC e Xbox

Piante contro Zombie, una delle app più amate del mondo, sbarca su PC e Xbox in versione sparatutto multigiocatore.

Piante contro Zombie Garden Warfare

Piante contro Zombie è più vecchio di quello che sembra: nato nel 2009 come puzzle game per computer, il mitico gioco di PopCap ha raggiunto l’apice del successo in versione app, diventando un vero e proprio fenomeno commerciale. Tanto che EA non ci ha pensato due volte ad acquistarlo per 750 milioni di dollari e a produrne anche un seguito.

Ma ecco che il 2014 vede un’ulteriore evoluzione di Piante contro Zombie che da semplice puzzle game è ora uno sparatutto multigiocatore per PC, Xbox One e Xbox 360: Garden Warfare.

Piante contro Zombie Garden Warfare: cosa cambia

Il giocatore passa dal ruolo di stratega a quello di soldato, scendendo letteralmente in campo. Ovviamente è possibile scegliere se essere una pianta o un non-morto e non solo: i soldati non sono tutti uguali e bisogna decidere se vestire i panni del classico soldatino “leggero”, agile e veloce ma molto esposto, o quelli del soldato “pesante”, forzuto e super corazzato ma decisamente più lento.

Equilibrato e accessibile anche ai non-esperti, Garden Warfare è pensato anche per i principianti e per chi odia la politica pay to win: per sbloccare personaggi e livelli non serve la carta di credito ma solo l’abilità.

Piante contro Zombie Garden Warface ha ricevuto 23 nomination all’E3 e 10 premi incluso quello come miglior gioco d’azione e miglior gioco E3.

L’unico “limite”? Garden Warfare è uno sparatutto multigiocatore puro: impossibile giocarci da soli o con un amico utilizzando la stessa console. Per giocare è dunque necessario un abbonamento Xbox Live e una linea ADSL sufficientemente veloce da permettervi di giocare in modo fluido e senza interruzioni improvvise (e in molte zone d’Italia potrebbe essere un grosso limite).

Potete acquistarlo scontatissimo su Amazon QUI.

Ecco il traler ufficiale:

Leggi anche...

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*