News

Facebook VS Hootsuite: nuovo algoritmo penalizza post automatici

Cambia di nuovo l’algoritmo di Facebook che questa volta si scaglia contro le app di terze parti che permettono di creare post automatici.

facebook-and-hootsuiteFacebook continua la sua lotta contro le applicazioni di terze parti che portano via traffico al social network permettendo agli utenti di pubblicare aggiornamenti di stato, foto e link senza dover accedere al sito o all’app ufficiale di Facebook.

Facebook: il nuovo algoritmo contro i post automatici

Come? Con una nuova modifica all’algoritmo che regola il newsfeed che non piacerà affatto a chi si occupa di Social Media Marketing. Tramite un comunicato ufficiale, infatti, Mark Zuckerberg e il suo team hanno annunciato che i post pubblicati automaticamente utilizzando applicazioni di terze parti verranno penalizzati nell’organico. Il social network invita dunque i suoi utenti a postare i loro contenuti direttamente sul sito. Se non si può proprio fare a meno di utilizzare un’altra applicazione, il post va pubblicato direttamente: quindi un secco no a programmazione o inserimenti automatici.

Se all’utente “normale” questo nuovo cambiamento all’algoritmo non comporterà alcun stravolgimento, il problema potrebbe sorgere per i Social Media Manager e, in generale, per chiunque si affidava a strumenti quali Hootsuite et similia per poter gestire contemporaneamente diversi profili social.

Ecco la comunicazione ufficiale di Facebook:

At f8, we introduced new ways for people to control exactly how apps post back to Facebook.

We’ve found that stories people choose to explicitly share from third party apps are typically more interesting and get more engagement in News Feed than stories shared from third party apps without explicit action. We’ve also heard that people often feel surprised or confused by stories that are shared without taking an explicit action. In the coming months, we will continue to prioritize explicitly shared stories from apps in News Feed over implicitly shared stories.

This means people will see fewer implicit stories from third party apps in the future. However, people will continue to see interesting and relevant content from third party apps that their friends have explicitly chosen to share. You can read more about this update on our Developer Blog here.

Leggi anche...

Loading Facebook Comments ...

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*